Solocosebuone ottobre

I malloreddus sono uno dei formati di pasta più antichi e famosi della Sardegna, conditi con il sugo alla campidanese rappresentano una vera specialità per le grandi occasioni che ne valorizza a pieno la lunga storia.
 
Da sempre serviti nelle grandi occasioni, i malloreddus, noti in tutta Italia con il nome di "gnocchetti sardi", rappresentano il formato di pasta più diffuso in Sardegna oltre ad essere uno dei più antichi. La sua realizzazione è legata, infatti, alla millenaria civiltà contadina la cui economia e il cui sostentamento si basavano, essenzialmente, sulla coltura del grano. Le massasie dell'isola, dunque, li preparavano sin da tempi antichi ed oggi costituiscono uno dei prodotti più rappresentativi della tradizione sarda.
 
Il nome originario malloreddus è un diminutivo del termine sardo campidanese "malloru" che significa toro. I malloreddus, dunque, altro non sarebbero che "vitellini".
In alcune zone dell'Isola, tuttavia, sono noti anche con altri nomi. In particolare nella zona del Sassarese vengono chiamati "ciciones" o "cigiones", in quella del Logoduro "càidos" o "macarones de punzu" e in quella del Nuorese "caràvos". Sono una delle specialità sarde inserite nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT).
 
Secondo la tradizione, per preparare i malloreddus si deve impastava la semola con l'acqua per poi ricavarne delle listarelle lunghe circa 15 centimetri che venivano, a loro volta, tagliate a cubetti. Era proprio schiacciando questi cubetti con l'estremità di un cesto di paglia (chiamato "su ciuliri", il setaccio) per avere quelli rigati, o con una base in legno per quelli lisci, che si ottenevano i tipici gnocchetti panciuti.
Il paragone con i vitelli che ha dato il nome alla specialità deriva, probabilmente, proprio con la forma panciuta degli gnocchetti che ricordava proprio quella di un vitellino, associato nell'immaginario nel mondo agro-pastorale a qualcosa di grasso e succulento (basti pensare al modo dire "grasso come un vitellino").
 

#malloreddus
#unannogoloso #solocosebuone #ideegustose


Leggi la ricetta dei malloreddus
 
 
 
 


 
 


 
Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Proseguendo la navigazione accetti i cookies.
Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione e bloccare i Cookie, consulta la nostra Cookie Policy